La macchina della veritÀ contro le frodi assicurative


Le frodi assicurative potranno essere smascherate con una nuova "macchina della memoria" messa a punto presso l'Università di Padova. Le frodi assicurative hanno un costo assai elevato, che va a scaricarsi su tutti gli assicurati onesti, e sono di svariati tipi: molto comune, ad esempio, la simulazione degli effetti del colpo di frusta, mentre altre consistono nel sovrastimare i danni, nel provocare falsi incendi etc. Ma i colpi di frusta inesistenti e i danni costruiti sulla carta potranno, d'ora in avanti, essere scoperti mediante una procedura semplice ed accurata che passa al vaglio l'attendibilità delle dichiarazioni dell'assicurato. "Questa procedura – spiega Giuseppe Sartori, professore ordinario di Neuroscienze Cognitive all'Università di Padova, inventore della macchina della verità - permette, infatti, di identificare i simulatori di "colpo di frusta" con una precisione di oltre il 90% mediante un sofisticato software che misura le tracce lasciate dalla memoria e dalle intenzioni fraudolente nel cervello dell'assicurato. Le ricerche preliminari ne hanno già dimostrato l’effetto deterrente sulle frodi. L'adozione delle procedure di lie-detection – prosegue il docente - ha permesso, infatti, di ridurre del 25% le richieste di risarcimento Probabilmente molti casi di frode potenziale vengono scoraggiati dalla sola idea di passare sotto la lente d’ingrandimento della macchina della memoria."

È inoltre in corso una ricerca che coinvolge l'Università di Padova e l'Università di Yale (USA) per applicare la nuova metodologia con lo scopo di identificare i simulatori del disturbo post traumatico da stress nei soldati di ritorno dall'Iraq e dall'Afghanistan.

Autore: Qui Risparmio

richiedi info

download pdf



    • La macchina della verità contro le frodi assicurative

© 2011 Vigilar Group - Investigazioni e Security
Viale Premuda, 24 - 20129 Milano
- P.IVA e C.F. 05174810969

+39 02 76000026 r.a

+39 02 796406